NFL Draft 2020: le scelte della seconda notte

Tutte le chiamate del secondo e terzo round

La seconda notte del Draft 2020 si apre come era iniziata la prima, ossia con i Bengals on the clock. Dopo Burrow, Cincinnati decide di regalare un altro target al giovane QB con la scelta del wide receiver Tee Higgins.

Successivamente inizia anche il Draft 2020 dei Colts, che selezionano un nuovo bersaglio per Rivers: il ricevitore da USC Michael Pittman.

I Lions scelgono il talentuoso running back da Georgia D’Andre Swift, mentre alla quattro tocca ai Giants che pescano il miglior prospetto safety della classe, Xavier McKinney da Alabama.

Alla casella 37 arriva anche il momento dei Patriots, che sorprendono tutti scegliendo il safety Kyle Dugger. Carolina continua a puntare sulla defensive line con la presa di Yetur Gross-Matos, mentre Miami insiste sulla linea offensiva con l’offensive tackle Robert Hunt.

Il Draft dei Texans inizia con la selezione del defensive tackle Ross Blacklock. Interessante la scelta successiva dei Colts, che con una trade vanno sul running back sbriciola record NCAA Jonathan Taylor.

 


Jacksonville, dopo i rinforzi in difesa, sceglie il frizzante wide receiver Laviska Shenault. Il primo tight end scelto nella classe è Cole Kmet, che finisce ai Bears.

Cleveland e Tampa rinforzano le secondarie con i safety Grant Delpit e Antoine Winfield. Denver sceglie un altro wide receiver, K.J. Hamler, dopo Jeudy, dimostrando una certa aspettativa in Drew Lock.

I Falcons continuano a investire sulla difesa con il defensive tackle Marlon Davidson, come anche i Seahawks che con una trade selezionano il defensive end Darrell Taylor in attesa di risolvere il rebus Clowney.

Il Draft degli Steelers parte con il ricevitore da Notre Dame Chase Claypool. Le scelte successive sono due cornerback: Jaylon Johnson a Chicago e Trevor Diggs a Dallas.

Tocca finalmente anche ai Rams, che decidono di sostituire Gurley con il running back Cam Akers. Sorpresa alla scelta 53 con gli Eagles che selezionano il quarterback Jalen Hurts, decidendo quindi di coprirsi in caso di altri infortuni di Wentz.

Sono i Bills l’ultima squadra a non aver ancora scelto e lo fanno alla 54 con la presa del talentuoso defensive end AJ Epenesa. Baltimore dimostra di voler continuare a puntare sull’attacco su corsa con il running back JK Dobbins.

Miami puntella la defensive line con Raekvon Davis, mentre i Rams aggiungono il wide receiver Van Jefferson per sostituire Cooks. Minnesota rinforza la offensive line con Ezra Cleveland, mentre i Jets regalano un nuovo target a Darnold con il promettente Denzel Mims.

New England imbastisce una trade con i Ravens per scegliere l’outside linebacker Josh Uche da Michigan. L’interessante cornerback Kristian Fulton finisce a Tennessee, mentre Green Bay aggiunge il running back AJ Dillon.

Le scelte finali del secondo giro sono il linebacker Willie Gay, che finisce a Kansas City, mentre il safety Jeremy Chinn vola a Carolina. Da notare come il Draft dei Panthers sia incentrato totalmente sull difesa.

Il terzo giro si apre con due linebacker nei primi tre: si tratta di Logan Wilson a Cincinnati e Julian Okwara a Detroit. Tra i due, i Redskins puntano sul running back Antonio Gibson.

Seattle rinforza la linea offensiva con la guardia Damien Lewis. Baltimore torna a investire sulla difesa con il defensive tackle Justin Madubuike.

Molto interessante la scelta successiva dei Cardinals che selezionano Josh Jones, offensive Tackle dato da molti al primo giro. Per Arizona era fondamentale aumentare la protezione di Murray.

Ancora un difensore per i Jaguars alla 73 con Davon Hamilton, mentre New Orleans (dopo una trade) pesca l’atteso linebacker Zack Baun. Detroit imbastisce una trade con Indianapolis per la guardia Jonah Jackson.

Alla 76 arriva anche il tanto atteso running back per Brady e i Bucs, trattasi di Ke’Shawn Vaughn da Vanderbilt. Dopo due ricevitori, Denver rinforza la difesa con l’innesto del cornerback Michael Ojemudia.

Ben due i wide receiver scelti dai Las Vegas Raiders: Lynn Bowden e Bryan Edwards. In questo Draft Gruden ha deciso di ricostruire totalmente il reparto ricevitori.

Il defensive tackle Neville Gallimore vola in Texas dai Cowboys, mentre Denver aumenta la protezione di Lock con il centro, Campione NCAA, Lloyd Cushenberry.

Buffalo investe sul reparto corse con la presa del promettente running back Zack Moss. New England sceglie il secondo outside linebacker consecutivo con Anfernee Jennings, mentre Minnesota seleziona un altro cornerback, Cameron Dantzler.

I Patriots puntano finalmente all’attacco con la trade per il tight end da UCLA Devin Asiasi. Anche Baltimore aggiunge un attaccante, il wide receiver Devin Duvernay.

Poco fortunato il running back Darrynton Evans che finisce a fare il secondo di Derrick Henry a Tennessee. Può sorridere finalmente anche Aaron Rodgers che avrà un nuovo target nel tight end.

L’offensive tackle Lucas Niang avrà l’onore di proteggere il fenomenale Patrick Mahomes. Anche New York decide di proteggere ulteriormente Daniel Jones con l’offensive tackle Matt Peart.

Secondo rinforzo difensivo per i Raiders con il linebacker Tanner Muse, mentre i Patriots aggiungono il secondo tight end della serata con la scelta di Dalton Keene. Stesso discorso per i Saints che regalano un nuovo bersaglio a Drew Brees con l’innesto di Adam Trautman.

A chiudere il terzo giro ci pensano i Ravens che decidono di rinvigorire la linea offensiva con la guardia Tyre Phillips.

Restano pochi i giocatori con certe aspettative a non essere stati ancora scelti, tra questi sicuramente il cornerback Bryce Hall, i tight end Hunter Bryant e Brycen Hopkins, il quarterback Jake Fromm e l’edge rusher Curtis Weaver.

Manca solo l’ultima giornata del Draft 2020, che inizierà alle ore 18 di domani e vedrà svolgersi ben 4 giri.

Articolo precedente NFL Draft 2020: le scelte della prima notte
Prossimo articolo NFL Draft 2020: le scelte della terza notte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *