O direttore! Mio direttore!

Tanti auguri, Michele!

O Direttore! mio Direttore! Il nostro bel progetto è terminato; il sito ha superato ogni ostacolo, l’ambìto premio è conquistato; vicina è la pubblicazione, odo i click, tutti i lettori esultano, mentre gli occhi seguono il cursore, l’homepage attraente e innovativa; ma o cuore! cuore! cuore! o gocce bianche di sudore, là sulla tastiera dove giace il mio Direttore, stanco, accaldato, sudato. O Direttore! mio Direttore! rialzati, odi i click; rialzati — per te è issato il banner— per te vengono caricati gli articoli, per te dossier e post ornati...
Articolo precedente Perché nessuna squadra punta su Cam Newton?