Le rivalità NFL più sentite

Un viaggio dentro le faide più accese della Lega

Questa guida vi servirà per conoscere ed analizzare quelle sfide che non finiscono semplicemente allo scadere dei 60 minuti di gioco, ma che ci emozionano da anni e ci appassioneranno ancora per molto tempo.

Giants vs Eagles

Le origini

Come prima rivalità NFL da raccontare non potevamo non scegliere quella tra Giants ed Eagles. I New York Giants furono fondati nel 1925 mentre gli Eagles nacquero nel 1933, da quell’anno in poi queste due squadre si scontrarono sempre almeno una volta per anno per un totale di 166 match disputati. New York detiene ad ora 85 successi (2 nei playoff) contro 79 vittorie di Philadephia (2 nei playoff) e 2 pareggi.

La rivalità NFL tra queste due città è presente in tutti i maggiori sport (Sixers-Knicks in NBA, Phillies-Mets in MLB e Flyers-Rangers in NHL) a causa della vicinanza geografica e dallo status di grandi metropoli della East Coast per entrambe le città.

Momenti memorabili

Questa eterna rivalità nella NFL ci ha regalato dei momenti che sono passati alla storia del football americano ora passeremo in rassegna i più importanti e famosi. Il 15 ottobre 1933 queste due squadre si scontrarono per la prima volta, la partita terminò con un punteggio di 56 a 0 in favore dei Giants.

Nella stagione 1960 il linebacker degli Eagles Chuck Bednarik placcò così duramente il running back dei Giants Frank Gifford da costringerlo a uno stop di 18 mesi. Questo placcaggio passò alla storia col nome di “The hit”.

Il 19 novembre 1978 con il punteggio sul 20 a 17 per i Giants, 20 secondi allo scadere del quarto quarto e la palla a disposizione dei newyorkesi il quarterback Joe Pisarcik perse il possesso del pallone che venne riportato in touchdown da Philadelphia chiudendo la partita sul 20 a 24. Episodio passato alla storia come “Miracle in the Meadowlands”.

(AP/Miles Kennedy)

Nel Wild Card round del 1981 il quarterback Scott Brunner guidò i Giants alla vittoria sugli Eagles con l’emblematica kneel del quarterback a pochi secondi dalla fine sul 27 a 20 per New York, giocata che se fosse stata fatta 3 anni prima avrebbe permesso ai Giants di vincere quel match.

Il 31 ottobre del 1999 vide le due squadre andare al supplementare, con il punteggio in parità il defensive end dei Giants Michael Strahan intercettò un passaggio del quarterback avversario Doug Pederson riportandolo per 44 yard in touchdown e chiudendo la partita sul 23 a 17 in favore di New York.

L’episodio passato alla storia più recente risale al 19 dicembre 2010,(vedi video) mancano 2 partite al termine della regoullar season e si gioca in un Metlife Stadium congelato, chi vince balza in testa alla Division, chi perde è fuori dai playoff. Manning porta avanti i Giants per 31 a 10 a 7 minuti e 28 secondi dalla fine dell’ultimo quarto, poi Michael Vick ci mostra perché amiamo così tanto questo sport, perché finché c’è un secondo sul cronometro, c’è vita nel football americano.

[siteorigin_widget class=”mvp_ad_widget”][/siteorigin_widget]

49ers vs Seahawks

Le origini

Attualmente il record delle 33 sfide tra le due squadre è di 18-15 in favore di Seattle.

I Seahawks si unirono alla NFC West nel 1976, division allora con New Orleans Saints, Los Angeles Rams, Atlanta Falcons e San Francisco 49ers, per poi passare dall’anno seguente fino al 2002 alla AFC West. La rivalità vera e propria cominciò nel 2002 quando si formò l’attuale division con 49ers, Rams e Cardinals e i Seahawks.

Seattle vinse per 4 volte consecutive la division (dal 2004 al 2007) diventando la vera avversaria dei Niners che erano in un periodo di crisi successivo ai grandi successi ottenuti con Montana e Young. La rivalità NFL diventò davvero infuocata dal 2011, anno in cui a Seattle arrivò l’ex coach di USC Pete Carroll, già dai tempi del college nemesi dell’head coach dei 49ers ed ex coach di Stanford Jim Harbaugh.

Dal 2011 in poi, ad esclusione della passata stagione le due squadre vissero dei grandi testa a testa per la conquista della division e di epiche battaglie nei playoff.

(AP/Tony Avelar)

Momenti memorabili

Il 26 settembre 1976 le due squadre si affrontarono per la prima volta al Kingsdome di Seattle, il match terminò 37 a 21 in favore dei 49ers, determinando la nascita diuna delle rivalità NFL più sentite.

Dal 2003 al 2005, in tutte e sei le partite disputate furono i Seahawks ad avere la meglio, il risultato più eclatante fu un 34 a 0 di domenica 26 settembre 2004. Domenica 14 settembre 2008 il quarto quarto terminò sul 30 a 30 e nel supplementare San Francisco riuscì ad espugnare Seattle con un field goal di Joe Nedney.

L’11 settembre del 2011 al Candlestick park di San Francisco ci fu il primo scontro tra Carroll e Harbaugh, a spuntarla fu quest’ultimo grazie a Ted Ginn, che nel quarto quarto sul punteggio di 19 a 17 per i Niners ma con gli ospiti in rimonta, riportò in touchdown prima un kickoff e poi sulla serie di down seguente anche un punt, chiudendo la partita sul 33 a 17.

Il 23 dicembre 2012 i Seahawks riuscirono a dominare i 49ers grazie ad una superba prestazione difensiva, vincendo quel match per 42 a 14. Durante quella partita i Niners provarono sulla propria pelle cosa voleva dire misurarsi con la neonata “legion of boom” la secondaria degli ‘Hawks composta dagli hard hitters Browner (cb), Thomas (fs), Chancellor (ss) e Sherman (cb ex Stanford proprio sotto Harbaugh) con il famoso colpo di Kam Chancellor sul TE dei Niners Vernon Davis che gli causò una commozione cerebrale.

La partita più emozionante resta senza dubbio la finale NFC del 2013/2014. La partita è equilibrata, i Seahawks riescono ad andare in vantaggio di sei punti, Kaepernick tenta con un ultimo drive di portare i niners a segnare il touchdown della vittoria ma sarà Sherman, l’ex pupillo di Jim Harbaugh a chiudere la sfida in favore di Seattle che approda al Superbowl.

Bears vs Packers

Le origini

I Bears furono fondati nel 1919 con il nome di Decatur Staleys, nel 1921 si trasferirono a Chicago e l’anno seguente presero il nome di Chicago Bears. I Packers esistevano già nel 1896 come squadra semi-professionistica che militava nei campionati locali del Wisconsin, nel 1921 decisero di unirsi alla American Professional Football Association (APFA) dove militavano anche i Bears.

Da quel momento in poi le due squadre si affrontarono ogni anno ad esclusione del 1982, dando vita alla rivalità NFL con più partite disputate (190), con più titoli ottenuti ( 22 totali: 13 di Green Bay e 9 di Chicago) e con più giocatori nella Hall Of Fame ( 57 totali: 30 dei Bears e 27 dei Packers).

Momenti memorabili

Il 27 novembre 1921 le due squadre si affrontarono per la prima volta in Illinois dove vinsero i Bears per 20 a 0: fu l’inizio di una rivalità NFL epica.

Il 3 novembre 1924 la partita terminò 3 a 0 in favore di Chicago ma a far scalpore fu la scazzottata a fine secondo quarto tra Frank Hanny ( DE Bears) e Tillie Voss ( OT Packers) che furono i primi due giocatori espulsi nella storia del football professionistico, a dimostrare la tensione e la rivalità NFL che già allora erano presenti tra le due squadre. Il 25 settembre 1932 le due squadre pareggiarono per la quarta volta tra di loro.

Quando considerate una gara a punteggio basso? Quando finisce 10 a 3, 9 a 7, 7 a 0? Ebbene quel giorno non fu segnato nemmeno un punto e la partita terminò con il punteggio di 0 a 0. Il 14 dicembre 1941 le due squadre si affrontarono nella finale di Western Division per determinare la sfidante dei New York Giants per il titolo, la partita terminò 33 a 14 in favore dei Bears che conquistarono anche il campionato.

Il 30 settembre 1962 i Packers di Vince Lombardi vinsero 49 a 0, il più ampio margine di sempre contro i Bears.

Il 7 dicembre 1980 Chicago vinse per 61 a 7 una partita senza storia, a fine gara Bart Starr ( leggendario QB dei Packers) si scagliò contro il defensive coordinator dei Bears Buddy Ryan che continuò a mandare blitz punitivi fino alla fine del match a partita ampiamente chiusa.

Il 21 ottobre 1985 i Bears presentarono ai Packers il rookie Defensive Tackle William “the refrigerator” Perry che si unì ai nuovi “Monsters of the Midway”, la storica difesa considerata tra le migliori della storia. Perry ( 152 kilogrammi) fu schierato come Fullback nelle situazioni da Goal Line permettendo a Walter Payton ( RB) di segnare 2 touchdown e segnandone lui stesso uno.

La partita terminò 23 a 7 per Chicago. L’ 11 settembre 1995 i Packers vinsero 27 a 24, da ricordare fu il passaggio da 99 yard di Brett Favre per Robert Brooks ( WR) che segnò un touchdown, i Bears rimontarono ne quarto quarto ma la partita terminò in favore di Green Bay. Il 9 ottobre 2006 i Bears affrontarono Favre al Lambeau Field segnando 26 punti e tenendo i Packers a 0. Fu l’unica volta che Favre restò a 0 in casa propria.

Il 22 dicembre 2008 i Bears ospitarono i Packers in un Soldier Field che segnò la temperatura di -25°. I Bears erano costretti a vincere per poter sperare in una qualificazione ai playoff. Green Bay si portò in vantaggio 14 a 3 a fine secondo quarto, i Bears rimontarono e la partita terminò col punteggio di 17 pari. Nei supplementari il Kicker Robbie Gould segnò sul primo possesso il field goal decisivo regalando la vittoria a Chicago.

Il 23 gennaio 2011 si giocò a Chicago la NFC Championship tra le due squadre. 20 giorni prima i Packers vinsero 10 a 3 proprio contro i Bears di Jay Cutler qualificandosi proprio all’ ultimo momento ai playoff. Dopo aver eliminato Eagles e Falcons i Packers guidati da Aaron Rodgers giocarono senza timore a Chicago portandosi sul 14 a 7.

Per i Bears Cutler lasciò per infortunio il match, al suo posto entrò la riserva Caleb Hanie che nell’ ultimo quarto si fece intercettare da BJ Raji (DT) che riportò per 17 yard il pallone in touchdown rendendo inutile il touchdown dei Bears sul drive successivo.

La partita terminò 21 a 14 e lanciò Green Bay alla conquista del Superbowl. Il 29 dicembre 2013 ( video) al Soldier Field di Chicago va in scena l’ennesimo epico scontro con in palio la division e la qualificazione ai playoff. La partita è ricca di colpi di scena con giocate strabilianti da entrambe le parti e segna il culmine della loro rivalità NFL.

L’ultimo decisivo drive vede i Packers sotto 27 a 28 e il rientrante Rodgers riesce ancora una volta a fare una delle sue magie.

[siteorigin_widget class=”mvp_ad_widget”][/siteorigin_widget]

49ers vs Cowboys

Le origini

Dal 1960, anno in cui i Cowboys entrarono nella NFL, le due squadre si sono affrontate 34 volte con un record di 17-16 in favore dei niners a fronte di un solo pareggio.

La rivalità NFL entrò nel vivo nel 1970, le due franchigie non erano considerate ancora vincenti ma riuscirono ad ottenere il rispetto della lega grazie a delle belle stagioni che portarono le due squadre a 2 finali NFC consecutive (1970,1971), entrambe vinte da Dallas.

Gli anni ’70 passarono alla storia per i grandi Cowboys di Roger Staubach (QB) che guidò Dallas alla conquista di 5 titoli NFC e 2 Superbowl, mentre i niners rimasero a bocca asciutta e spesso sconfitti dai rivali. Negli anni 80 la musica cambiò grazie a due signori chiamati Joe Montana (QB) e Jerry Rice (WR) che vestirono per anni la divisa rossa e oro di san Francisco e che fecero girare la testa a tutte le difese della lega.

In quegli anni i niners rubarono la scena ai ‘Boys vincendo la NFC e il Superbowl nel 1981, 1984, 1988 e 1989. Negli anni 90 queste squadre ottennero 4 superbowl consecutivi (1992, 1993, 1995 i Cowboys e 1994 i 49ers). La sostituzione di Montana con l’ottimo Steve Young (QB) non fu sufficiente a San Francisco per mantenere l’egemonia sulla NFC che passò al trio QB, WR, RB più forte della storia: Troy Aikman, Michael Irvin ed Emmith Smith.

Momenti memorabili

Il 20 novembre 1960 le due squadre si affrontarono per la prima volta in Texas, la gara si concluse per 26 a 14 in favore dei californiani.

Negli anni 1970, 1971 e 1972 i Cowboys eliminarono ai playoff i 49ers, per 2 volte nella finale NFC e un’altra volta nel divisional round, diventando la bestia nera dei californiani. Il 10 gennaio 1982 durante la finale NFC al Candlestick park Joe Montana con il punteggio di 27 a 21 in favore dei Cowboys e a tempo scaduto riuscì a pescare Dwight Clark che segnò il touchdown della vittoria.

L’episodio passò alla storia come “the catch”, esempio di una delle più grandi rivalità NFL. Il 17 gennaio 1993 i Cowboys di Aikman vinsero a San Francisco per 30 a 20 qualificandosi per il Superbowl che poi vinceranno.

Il 24 dicembre 2000 le due squadre si affrontarono a Dallas. L’istrionico ricevitore dei Niners Terrell Owens andò a celebrare per 2 volte i touchdown segnati andando a metà campo a calpestare la stella del Cowboys stadium scatenando la reazione dei giocatori di Dallas.

Steelers vs Ravens

Le origini

Una partita tra Ravens e Steelers è sinonimo di scontro fisico duro e puro, rivalità NFL estremamente sentita, specialmente in difesa. Da quando i Ravens entrarono nella lega (1996) chi riceveva un passaggio o portava il pallone doveva vedersela con gente come Haloti Ngata (DT), Ray Lewis (LB), Terrell Suggs(LB), Ed Reed ( S) da una parte e Brett Keisel (DE), James Harrison (LB), Joey Porter (LB) e Troy Polamalu (S) dall’altra.

Potremmo riassumere questa rivalità semplicemente con le parole di Hines Ward (WR), riprese poi anche da Suggs (LB), Antonio Brown (WR) e da coach John Harbaugh che dichiarò: “We don’t like them and they don’t like us” ma approfondiamo un po’ meglio come si è creata nel tempo questa rivalità NFL.

Gli Steelers fanno parte della lega dal 1933 e nella loro storia contano 8 vittorie di conference e 6 Superbowl vinti. Il periodo d’oro di questa franchigia sono senza dubbio gli anni 70, nei quali trionfano ben 4 volte al Superbowl, Guidati dal quarterback Terry Bradshaw e da una delle difese più forti della storia soprannominata ” The Steel Curtain” (la cortina di ferro) composta tra gli altri da “Mean” Joe Greene (DT), Jack Ham (LB), Jack Lambert (LB) e Mel Blount (CB).

Da quando i Ravens entrarono nella NFL nel 1996 riuscirono subito ad imporsi come una squadra tosta e difficile da affrontare, arrivando alla vittoria del primo superbowl nella stagione 2000. In quell’anno passò alla storia l’eccezionale difesa guidata da Ray Lewis che concesse in media 84 yard su corsa, 7 punti a partita e furono autori di 3 shutout in regular season.

Lo stesso Lewis fu nominato MVP del Superbowl terminato 34 a 7 contro i Giants nel quale i punti di New York arrivarono da un ritorno di kickoff.

Questa rivalità NFL quindi nacque dal fatto che le 2 franchigie estremamente competitive, con stili simili e vincenti battagliarono sempre nella stessa division, prima AFC Central poi AFC North, duellando sempre per il dominio della division.Dal ’96 il record tra le squadre è di 24 a 18 in favore di Pittsburgh (3-1 nei playoff).

Da quando esiste questa rivalità sia i Ravens che gli Steelers contano 2 trionfi al Superbowl (1 ogni 5 anni).

Momenti memorabili

L’ 8 settembre 1996 ci fu il battesimo di questa sfida vinta dagli Steelers per 31 a 17. Il 12 dicembre 1999 i Ravens vinsero per la prima volta a Pittsburgh per 31 a 24. Il WR Quadry Ismail fu autore di una partita strepitosa con 3 touchdown ( il più corto fu per 54 yards) e 258 yards ricevute.

Il 20 gennaio 2002 le due squadre si affrontarono per la prima volta in postseason nel divisional round e ad avere la meglio furono i padroni di casa per 27 a 10. Il 18 gennaio 2009 all’Heinz Field di Pittsburgh si giocò l’ AFC Championship game e furono ancora una volta gli Steelers ad approdare al Superbowl poi vinto contro i Cardinals battendo i Ravens per 23 a 14: altro esempio tipo di rivalità NFL.

(AP/Charles Krupa)

Patriots vs Jets

Le origini

Sia Patriots che Jets entrarono nella NFL nel 1960 e da subito furono messe nella stessa division. Le due squadre si sono affrontate 115 volte , con un record di 60-54-1 in favore dei Patriots, rappresentando una delle più accese rivalità NFL.

I Jets entrarono nella lega con il nome di New York Titans e diventarono immediatamente una delle squadre più forti della lega riuscendo a trionfare a sorpresa sui Baltimore Colts nel 1968 guidati dal leggendario Joe Namath. Da quel momento in poi una maledizione sembra essersi abbattuta sui Jets che non riuscirono più a vincere un titolo, pur avendo avuto squadre incredibilmente forti.

I Patriots inizialmente passarono anni molto duri, riuscendo ad arrivare al Superbowl solo nel 1985, peccato che l’ultimo ostacolo era rappresentato dai “Monsters of the Midway’ di Chicago che demolirono i ‘bostoniani’.

Il periodo di maggior splendore per New England va dal 2001 ad oggi, con l’avvento di Tom Brady i Patriots vinsero ben 4 Superbowl (2001, 2003, 2004 e 2015).

Ci furono anche storie di giocatori e allenatori che passarono dalla parte del nemico. Doveroso ricordare che Bill Belichick nel 1996 era nello staff di New England, l’anno passato passò ai Jets fino al 1999; finita qui? Assolutamente no dato che dal 2000 Belichick è capo allenatore dei Patriots e uno dei più grandi allenatori della storia del football americano.

Darrelle Revis fu l’incubo di Brady da quando entrò nella NFL. Il fortissimo cornerback draftato dai Jets, dopo un anno a Tampa, è passato lo scorso anno ai Pats aiutandoli a vincere il Superbowl. Durante la Free Agency Darrelle sceglie di tornare dal primo amore, quei Jets che anche se traditi e rappresentanti di una rivalità NFL storica, lo hanno riaccolto a braccia aperte.

Sarete indotti a pensare che la rivalità NFL, visti i successi recenti, sia a senso unico ma non è così perché anche con un roster tecnicamente inferiore i Jets hanno dimostrato una tempra incredibile riuscendo a dare vita a partite spettacolari.

Momenti memorabili

Il 17 settembre 1960 le due franchigie si affrontarono per la prima volta. I New York Titans si trovarono in vantaggio sui Boston Patriots per 24 a 7 nell’ultimo quarto salvo poi essere rimontati dai Patriots che riportarono a pochi istanti dalla fine un punt bloccato in touchdown per il 24 a 28 finale. Il 2 ottobre 1966 furono i Patriots a trovarsi in vantaggio per 24 a 7 nel quarto quarto ma il grande Namath Guidò i Jets al pareggio.

Fu l’unico pareggio della storia tra Patriots e Jets, due squadre emblema di rivalità NFL.

Il 28 dicembre 1985 vide andare in scena la prima sfida ai playoff dove furono i Patriots a avere la meglio con un punteggio di 26 a 14.

Nel 1998 i Jets Guidati dal quarterback Vinnie Testaverde vinsero per 24 a 14 e 31 a 10 contro New England. Entrambe le squadre si qualificarono ai playoff, i Patriots furono eliminati dai Jacksonville Jaguars nel turno di Wild-card mentre i Jets vinsero proprio contro i Jaguars salvo poi arrendersi ai Broncos di Elway (QB).

Il 7 gennaio 2007 i Patriots di Tom Brady eliminarono i Jets vincendo con un punteggio di 37 a 16. Quell’anno i Pats si arresero solo ai Giants di Manning al Superbowl che sporcarono la loro stagione perfetta. Il 16 gennaio 2011 va in scena a Foxboro il divisional round tra le due squadri rappresentanti della rivalità NFL per eccellenza. I Jets di Mark Sanchez giocarono la partita perfetta contro i favoriti Patriots riuscendo a vincere per 28 a 21.

Il 22 novembre 2012 i Patriots impartirono una dura lezione a Mark Sanchez & co. La partita terminò con un sonoro 49 a 19 ma a passare alla storia fu la sfortunata giocata di Mark Sanchez che passò alla storia come “Butt Fumble”. Il 20 ottobre 2013 il rookie Geno Smith (QB) portò coi suoi lanci e le sue corse i Jets al supplementare dove riuscirono ad avere la meglio sui Patriots per 30 a 27 al termine di una partita esaltante.

[siteorigin_widget class=”mvp_ad_widget”][/siteorigin_widget]

Panthers vs Saints

Le origini

I Saints si unirono alla NFL nel 1967 come expansion team, faticarono molto a trovare un’alchimia vincente. Nella loro storia hanno vinto per 5 volte la loro division e hanno partecipato nove volte ai playoff. La storia dei Saints ha dell’incredibile perché nella settimana dal 23 al 30 agosto 2005 la città di New Orleans fu devastata dall’uragano Katrina.

Per un anno i Saints non riuscirono a mettere piede nel loro stadio, gravemente danneggiato. Da questo momento di grande difficoltà per la città i giocatori di Sean Payton e del nuovo arrivato Drew Brees diedero quel qualcosa in più per cercare di dare agli abitanti della città un motivo di felicità.

La squadra gioca bene ma è solo nel 2009 che si trova la formula giusta, i Saints di Brees e Colston approdano al Superbowl contro i favoriti Colts di Peyton Manning, nell’ultimo quarto i Saints sono in Vantaggio per 24 a 17 e Tracy Porter (CB) regala la vittoria ai Saints con il pick-six decisivo. Negli ultimi anni i Saints se la sono dovuta vedere con i rivali divisionali di Charlotte.

I Panthers nascono nel 1995 come expansion team, in 5 anni non raccolgono grandi risultati ma con John Fox, ai Panthers dal 2002, riescono a mettere insieme la difesa più forte della lega guidata dal futuro Hall of famer Julius Peppers (DE) e l’anno dopo con le aggiunte del quarterback Jake Delhomme e del Rookie Steve Smith Senior raggiunsero il Superbowl dove furono fermati solo dai Patriots di Tom Brady e Vinatieri (K) perdendo 31 a 28.

Da quando è arrivato Cam Newton alla guida della squadra queste due squadre si giocano spesso e volentieri il primo posto nella NFC south, in una rivalità NFL eterna; ad oggi si sono affrontate 40 volte, con un record di 21-19 in favore dei Panthers.

Momenti memorabili

Il 22 ottobre 1995 va in scena in Carolina il primo incontro tra le due squadre, a Clemson sono i Panthers ad uscire vincitori per 20 a 3.

Il 26 ottobre 2003 Carolina riuscì a spuntarla solo in Overtime vincendo per 23 a 20 un match parte della loro cavalcata verso il Superbowl.

Il 25 novembre 2007 i Saints di Brees vinsero per la prima volta contro i Panthers con un netto 31 a 6. Al Superdome l’8 novembre i lanciatissimi Saints vinsero 30 a 20 sui Panthers, vittoria che contribuì al record finale di 13-3 e alla conquista del titolo NFL.

Il 7 dicembre 2014 con la division in palio le 2 squadre si scontrano al Superdome. È dominio Panthers (finirà 41 a 10) ma nel secondo quarto Cam Newton dopo aver segnato un TD, esulta facendo il suo celebre gesto di Superman in faccia a Cameron Jordan (DE), il linebacker Lofton lo allontana spingendolo contro gli spalti in mezzo al caos più totale.

Tale scontro si conclude con una pioggia di flag che penalizzano entrambe le squadre e un’esplosione per il TE dei Panthers Brandon Williams.

Titans vs Texans

Le origini

Quella tra Titans e Texans è una rivalità NFL figlia di un amore trentennale e appassionato di una città verso una squadra, un amore tradito dalla squadra stessa che si trasferì in un altro stato nello spazio di un anno, Il 1997.

Dal 1960 a Houston giocavano gli Oilers, squadra vincitrice di due campionati AFL in cui militarono giocatori come Warren Moon (QB), Eddie George (RB), Dave Casper (TE) ed Elvin Bethea (DE).

Il loro proprietario, Bud Adams annunciò che la squadra si sarebbe trasferita in Tennessee (prima a Memphis poi a Nashville) dove gli sponsor gli offrirono 70 milioni di dollari più la costruzione di un nuovo stadio. Lì i Titans si imposero come una delle squadre migliori della NFL guidate dal leggendario Steve Mcnair (QB) che li portò a una sola yard dalla conquista del Superbowl del 2000 vinto dai Rams.

Logico pensare che la popolazione di Houston non la prese bene e i neonati Tennessee Titans diventarono la squadra più odiata a Houston. Nella vita come nel football americano si sa, la vendetta è un piatto che va servito freddo, così nel 2002 a Houston vengono fondati i Texans e il destino da subito la possibilità di vendetta alla città Texana rimescolando le division e mettendo i Titans nello stesso girone dei Texans. Da quel momento le due squadre si affrontarono 26 volte con un record di 15-11 in favore di Tennessee.

Momenti memorabili

Il 10 novembre i Texans e i Titans si sfidarono per la prima volta. La partita fu tesa ed equilibrata, ad avere la meglio furono i Titans con il punteggio di 17 a 10. Il 17 ottobre 2004 i texani vinsero per la prima volta contro i rivali con un secco 20 a 10.

Dopo 4 sconfitte in altrettanti match in quella stagione Houston vinse entrambe le partite con Tennessee (31 a 21 il 28 novembre). Il 20 dicembre 2006 i Titans la spuntarono solo all’overtime, chiudendo la partita sul 26 a 20.

L’anno seguente, il 21 ottobre 2007 si giocò la partita più spettacolare tra le due franchigie e simbolo della loro eterna rivalità NFL, con i Titans che passarono in vantaggio a pochi minuti dal termine e riuscirono a limitare l’assalto disperato di Houston, vincendo con uno scoppiettante 38 a 36.

Nel 2010 i Texans affrontarono in casa i titani battendoli nettamente per 20 a 0. Nel corso dell’ultimo quarto sul punteggio di 17 a 0 (vedi video) il cornerback di Tennessee Cortland Finnegan e il futuro Hall of Famer Andre Johnson (WR) dopo una serie di blocchi portati con grande forza dal ricevitore dei Texans si affrontano in un duello chi infiamma l’intero Reliant Stadium che coinvolge giocatori, panchine e arbitri.

Il 2011 fu un anno in cui le due squadre si giocarono la division a causa di un infortunio a Peyton Manning dei Colts, squadra egemone in quella division. Quell’anno i Texans vinsero in Tennessee per 41 a 7 salvo poi essere battuti dai Titans 23 a 22 sbagliando la conversione da due punti all’ultimo secondo.

L’anno scorso a Houston il 30 novembre i Texans vinsero 45 a 21 grazie ad una mostruosa prestazione del loro DE JJ Watt che oltre a mettere a segno 2 sack su Mettemberger, forzare un fumble e rompere sul nascere tutti i tentativi di corsa degli avversari, schierato come Tight End segnò un touchdown su ricezione.

Eagles vs Redskins

Le origini

Gli Eagles entrarono nella NFL nel 1933 e dopo vicissitudini legate a motivi societari, tra i quali una fusione nel 1943 con l’altra squadra della Pennsylvania, i Pittsburgh Steelers, durata un anno, si stabilirono come una delle squadre dominatrici di fine anni ’40 trionfando nel 1948 e nel 1949. L’ultimo titolo vinto risale al 1960 anche se sono arrivate diverse qualificazioni ai playoff e addirittura due partecipazioni al Superbowl perse contro i Raiders e i Patriots.

I Redskins nacquero nel 1932 a Boston con il nome di Braves, si trasferirono a Washington solo nel 1937, anno in cui vinsero il loro primo campionato. Nel 1942 vinsero ancora il titolo NFL ma è nel decennio 1983 1992 che vissero il loro periodo d’oro.

Joe Theisman (QB) guidò gli Skins alla vittoria del Superbowl nel 1983 ma due anni dopo a causa di una frattura scomposta alla gamba fu costretto ad abbandonare il football, gli ‘Skins vinsero ancora il titolo nel 1988 con il quarterback Doug Williams e nel 1992 con Mark Rypien.Le due squadre sono sempre state al centro delle rivalità NFL nella stessa conference, ad oggi il record è di 82-73-6 in favore di Washington.

Momenti memorabili

Il 21 ottobre ebbe luogo il primo Incontro tra le squadre e a vincere per 6 a 0 furono i Redskins. Nel 1942 i redskins vinsero entrambe le partite.

Il 17 ottobre 1948 sono gli Eagles che battono con un perentorio 45 a 0 i Redskins, in una cavalcata trionfale verso il titolo. Il 3 dicembre 1967 andò in scena uno spettacolare pareggio tra le due squadre col punteggio che si fermò sul 35 a 35. Il 18 novembre 2012 ci fu il primo scontro tra le due franchigie con Robert Griffin (QB) alla guida di Washington. Il rookie si fece valere e gli ‘Skins vinsero 31 a 6.

Il 21 settembre 2014 si toccò il momento più teso da anni per la rivalità NFL esistente tra le due squadre. A marzo il forte Wide Reciver DeSean Jackson fu tagliato dagli Eagles e pochi giorni dopo annunciò di rimanere nella NFC East firmando con Washington.

A Philadelphia quel giorno l’ex Jackson segnò un touchdown, entrando nella end zone si esibì in una presa in giro del gesto del “fly Eagles fly” marchio di fabbrica dei tifosi degli Eagles.

Finita qui? Assolutamente no, il QB Nick Foles subisce un forte colpo in ritardo che gli causa la frattura della clavicola e scatena la reazione di tutti gli Eagles, in particolare del LT Jason Peters che va a prendere di persona il colpevole scatenando un parapiglia infernale.

La partita si concluse sul punteggio di 37 a 34 per Philadelphia che però il 20 dicembre fu sconfitta dai Redskins per 27 a 24 dicendo addio ai playoff in favore dell’odiata Dallas. Anche alla fine di questa partita fece il verso del “Fly Eagles Fly” ai tifosi Eagles davanti alle telecamere.

Ravens vs Patriots

Le Origini

Attualmente il record delle 12 sfide è di 9-3 in favore di New England ma lo score è di 2-2 se si considerano i playoff. Le due squadre militano in due Division differenti e per questo non si affrontano ogni anno in Regular season ma la storia cambia nei playoff dove le due franchigie si sono spesso trovate a giocarsi l’accesso al Superbowl, basti pensare che dal 2000 al 2015 le due squadre hanno trionfato in 6 edizioni del Superbowl (2 Baltimore e 4 New England).

La loro rivalità NFL nasce dallo stile della due squadre, molto diverso ma sempre vincente: i Ravens hanno sempre puntato sulla loro arcigna difesa mentre i Patriots sul loro attacco alla dinamite, a rappresentare queste due filosofie troviamo il difensore e l’attaccante più carismatici degli ultimi 20 anni uno contro l’altro, uno dei linebacker più forti di sempre contro uno dei quarterback più forti di sempre: Ray Lewis e Tom Brady.

A gettare ulteriore benzina sul fuoco di questa rivalità NFL è proprio Tom Brady, colpito spesso in ritardo dai giocatori dei Ravens andava altrettanto spesso e giustamente a protestare dagli arbitri per la mancata flag, aggiungendo in conferenza stampa che la difesa nero-viola non rifiuta il gioco sporco.

Questo atteggiamento ha scatenato la reazione di un altro leader difensivo di Baltimore, Terrell Suggs (OLB) che addirittura non ha mai chiamato per nome Brady durante le interviste preferendo chiamarlo “il bel ragazzo del nord” o semplicemente “number twelve”.

Momenti memorabili

Il 6 ottobre 1996 ci fu il primo incontro tra le prime due squadre finito con uno scoppiettante 46 a 38 in favore dei Patriots.

Il 10 gennaio 2010 le due squadre si affrontarono per la prima volta ai playoff in un Divisonal round vinto agevolmente da Flacco (QB) e compagni per 33 a 14. Il 22 gennaio 2012 a Foxboro i Patriots si presero la rivincita sui Ravens nella finale AFC. I Ravens giocarono una partita difensivamente perfetta forzando 4 turnover e impedendo a Brady di lanciare touchdown.

A 4 secondi dalla fine i Ravens hanno a disposizione un facile field goal per mandare la partita al supplementare ma Billy Cundiff (K) calcia incredibilmente fuori spedendo i Patriots al Superbowl con il punteggio di 23 a 20.

Il 23 settembre 2012 le due squadre si affrontano a Baltimore, il protagonista assoluto è il WR Torrey Smith che aveva perso il giorno prima il fratello minore in un incidente stradale. Quel giorno Smith è inarrestabile, riceve 6 palloni per 127 yards e 2 touchdown contribuendo alla vittoria finale per 31 a 30 con il field goal decisivo del rookie Justin Tucker (K).

Un anno dopo le due squadre si affrontano nuovamente nella finale AFC a Foxboro, in un match simbolo della loro rivalità NFL, ma stavolta ad avere la meglio sono i Ravens di Ray Lewis, che aveva annunciato da poco il suo ritiro a stagione conclusa. La partita finisce 28 a 13 e i Ravens regaleranno la vittoria al Superbowl proprio nell’ ultima partita di Lewis.

Il 10 gennaio 2015 le due squadre si affrontarono nuovamente nel divisional round dell’ AFC, Brady gioca una grande partita e altrettanto fa Flacco, il match è equilibratissimo ma nell’ultimo quarto Belichick si inventa un trick play dei suoi che permette ad Amendola (WR) di segnare per il definitivo 35 a 31 su passaggio di Julian Edelman (WR ma ex QB al college). I Patriots si aggiudicheranno successivamente il titolo mondiale alla fine di una cavalcata entusiasmante.

Articolo precedente I migliori film sul football americano
Prossimo articolo La maledizione di Madden: leggenda o realtà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *