Storia della NFL

Raccontare il Football Americano è come esplorare un mondo

Il football americano è uno sport molto duro a livello fisico e una delle parti del corpo più a rischio è sicuramente la testa a causa degli scontri di gioco che possono provocare commozioni cerebrali o in generale traumi cerebrali.

Storia della NFL: il casco

Negli ultimi anni della storia della NFL sono sempre più frequenti cambi di regole nfl per prevenire le commozioni cerebrali che nel football americano sono molto frequenti, a causa di blocchi, placcaggi e scontri vari dove si usa molto la testa. Ovviamente per risolvere questo problema c’è bisogno di una protezione alla testa.

Ma come è stato introdotto il Casco?

La teoria più accreditata è quella dell’ammiraglio Mason Reeve che inventò il casco per un motivo semplice, aveva preso così tanti colpi durante le sfide tra l’accademia West Point(esercito) e la marina di Annapolis che il suo medico gli disse che un altro colpo forte gli avrebbe provocato una demenza immediata.

Reeve però non voleva rinunciare alla partita così andò dal suo calzolaio per farsi creare un cappello di finta pelle con i Paraorecchi.

Purtroppo però i primi caschi di pelle proteggevano poco e nulla, i primi caschi più sicuri si ebbe con l’invenzione del casco di plastica da parte di John T.Riddell nel 1939 (a molti il cognome Riddell avrà ricordato la società Riddell, venditrice di caschi, che è esattamente la società del signor Riddell di cui stiamo parlando). Purtroppo i contatti erano diventati sempre più duri e i caschi finivano spesso per rompersi.

All’inizio degli anni 60 nella storia della NFL la rivista Sports Illustrated pubblicò un articolo dove il neurochirurgo Richard Scneider analizzava alcune morti di una precedente partita di football dovute a lesioni alla spina dorsale o alla testa.

Arriviamo agli anni 80 e un giocatore dei Buffalo Bills, Mark Kelso, visto che subiva diversi colpi ebbe l’idea di usare praticamente un doppio casco, cioè indossava un secondo casco chiamato ProCap che attutiva meglio i colpi.

Il ProCap inizio ad essere abbastanza diffuso tra i giocatori NFL finchè il comitato NFL vietò l’uso del ProCap. Secondo alcune riviste in realtà il doppio casco aumentava i rischi di subire lesioni poichè annullava la protezione del casco originale, la casa ProCap ha sempre negato tutto.

[siteorigin_widget class=”mvp_ad_widget”][/siteorigin_widget]

 

Dopo aver ripercorso tutta la storia della NFL, arriviamo quindi agli anni nostri e la Riddell ha creato un nuovo casco per ridurre le commozioni cerebrali chiamato “Revolution” fatto in policarbonato, materiale resistente ma anche leggero.

Probabilmente però il miglior casco in circolazione è lo “Speedflex” della Riddell che riesce ad assorbire l’impatto grazie ad una cerniera nella parte superiore rivestita di gomma che riduce la forza dell’impatto.

Il casco è dotato anche di una grata protettiva agganciata in 4 punti differenti in modo che la forza di impatto è distribuita su tutto il casco.Come emerge però dai dati anche se i caschi di oggi sono più resistenti il circa il 60% di ex giocatori NFL hanno subito almeno una commozione cerebrale, ad esempio nella stagione 2012 ne sono state 261

Quando un giocatore subisce una commozione cerebrale, il medico di squadra fa un test veloce per capire se il giocatore è in grado di rientrare in campo e secondo i dati il 16% dei giocatori che subiscono una commozione cerebrale grave da causare una perdita di coscienza tornano a giocare lo stesso giorno della commozione (emblematico il caso di Edelman al Super Bowl).

Per risolvere questo problema la società Riddell sta cercando di creare un casco dotato di sensori che possano comunicare la potenza dell’urto subito dal giocatore in modo da essere più precisi nelle diagnosi.

Storia della NFL
Vince Lombradi

Storia della NFL: il pallone da Football Americano

Nella storia della NFL, da settanta anni fino a oggi, ogni lancio, ogni calcio, ogni touchdown e ogni punto in ogni partita della NFL sono stati fatti con un pallone Wilson. Alcuni dei più grandi momenti della storia del football  americano sono stati raccontati attraverso le incredibili prodezze dei giocatori: e Wilson era nelle loro mani. 

Wilson e la NFL sono stati uniti per la prima volta nel 1941 per opera di George Halas e Tim Mara ( Halas è stato fondamentale per il processo di partnership tra la NFL e Wilson nel 1941, consigliando la NFL perché scegliesse il pallone Wilson come pallone ufficiale per tutte le partite della lega durante la riunione dei proprietari del 1941). 

La qualità artigianale, che impiegava pelle di alta qualità, cucitura a mano, punti lock-stich (cucitura in cui il filo del rocchetto si intreccia con quello della bobina) e le prestazioni del pallone, furono riconosciute dalla NFL che adottò il pallone Wilson come pallone ufficiale della lega. 

Da quel momento, Wilson ha lavorato per continuare a produrre i migliori palloni da football in tutta la storia della NFL con continue innovazioni e la stessa qualità artigianale.

Storia della NFL: la palla da football
Le prime divise
[siteorigin_widget class=”mvp_ad_widget”][/siteorigin_widget]

Storia della NFL: le uniformi da Football Americano

Vi siete mai chiesti come sono nate le uniformi delle squadre di football americano? Proviamo a scoprirlo.

Ripercorriamo la storia della NFL dagli anni ’20, in questo periodo le uniformi erano poche e le squadre cambiavano uniformi ogni anno. Le magliette erano fatte di materiali pesanti come la lana mentre i caschi non erano ancora obbligatori, quindi erano poco usati.

Negli anni ’30 invece divenne obbligatorio l’uso del casco mentre le maglie erano fatte ancora di materiali pesanti ma si iniziarono a diffondere i colori di base per le franchigie. Fu in questo periodo della storia della NFL che nacquero i numeri di identificazione dietro alle maglie. Nel decennio successivo ancora i caschi furono protagonisti con il primo disegno su di essi.

Furono degli arieti a essere disegnati sul casco di cuoio di un giocatore dei Los Angeles Rams. In questo periodo le squadre cambiavano continuamente i colori cercando di trovare la giusta combinazione. Successivamente le squadre iniziarono ad avere maggior stile trovando combinazioni giuste, nel frattempo i caschi di plastica acquisirono molta popolarità e le griglie divennero sempre più comuni.

Fu attorno al 1950 che divennero popolari le Spalline come protezione fatte più o meno in pezzi di cuoio cuciti insieme. I paracosce invece vennero realizzati con materiali più rigidi rispetto alle imbottiture precedenti fatte in tela resistente, mentre le ginocchiere furono fatte in schiuma morbida.

Nel 1960 si formarono molti team nella AFL che andranno a formare qualche anno dopo la NFL con la fusione delle 2 leghe. Nel frattempo le spalline cambiarono da cuoio a plastica dura e schiuma morbida, questi nuovi cuscinetti miglioravano la protezione contro le lesioni alle spalle.

Con la formazione di nuove squadre le uniformi aumentarono, tra le note liete ci fu la divisa azzurra dei San Diego Chargers, al contrario dei Broncos che avevano una bruttissima divisa marrone e senape. Nel 1970 furono i Buccaneers ad avere la miglior divisa con le loro maglie arancioni inoltre la combinazione dei colori fu sempre più frequente.

Negli anni 80 nacquero molte delle divise attuali e nel frattempo i Chargers abbandonarono la loro vecchia divisa azzurra per passare a dei colori più scuri.

Il boom delle divise si ebbe nel 1990 poichè diventarono un vero proprio business (il commercio di magliette salì vertiginosamente). Fu in questo periodo, che oltre ai movimenti di franchigia, molte squadre della NFL (ad esempio 49ers e Patriots) apportarono delle modifiche alle proprie uniformi.

Arriviamo alla storia della NFL più recente quindi ai nostri anni che oltre a sancire l’ingresso nella lega degli Houston Texans permise alle squadre una divisa alternativa, da indossare fino a un massimo di 3 volte all’anno.

Nel 2002 sono state introdotte le spalline a fibra sintetica che sono più leggere e traspiranti, le ginocchiere e i paracosce pur mantenendo un design abbastanza simile all’originale sono realizzati con materiali di nylon per un maggiore comfort.

Articolo precedente I ruoli del football americano
Prossimo articolo L’antica arte del trash-talking

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *